Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.

Documenti delle Donne in Nero

Donne in Nero

Materiali 2017-2018

2017: volantini 17 11 24_Catalogna.pdf  17 12 29_gerusalemme.pdf 

Altro: 17 11 28_locandina.jpg Melita Richter.pdf   Presentazione del libro di Melita Richter.pdf  

e-struttura tribunale.pdf  k-2015_Deambrogio DEP.pdf  l-2016-per fano.pdf  m-dep 2017_Ivekovic.pdf  

n-dep2017_De_Ambrogio.pdf

2018: volantini 18 04 27 siria e palestina.pdf

18 05 25_ Le vite palestinesi contano.pdf

18 06 29_ bombe e Nato.doc

18 06 29_bombe.pdf

18_01_26spese militari.pdf

Altro: cammino palestina1.pdf

Cristina.jpeg

OPEN SHUHADA STREET.jpg

Per Cristina Cattafesta

 Ultima notizia, di oggi 6 luglio: CRISTINA E' LIBERA E IN VOLO VERSO L'ITALIA!!!

Conosciamo Cristina, che è amica delle Donne in Nero e di tutte le donne, che in questo momento è rinchiusa in un centro di espulsione turco. Quello che segue è il comunicato della famiglia, con preghiera di diffusione.
Le Donne in Nero di Torino

COMUNICATO STAMPA DELLA FAMIGLIA DI CRISTINA CATTAFESTA E DELL’AVV. ALESSANDRA BALLERINI

La famiglia di Cristina Cattafesta e la loro legale Avv. Alessandra Ballerini, esprimono grave preoccupazione per il protrarsi della permanenza presso il Centro di espulsione di Gaziantep, nel sud est della Turchia.

Cristina era in Turchia, in qualità di Osservatrice Internazionale per le elezioni presidenziali e parlamentari insieme a una delegazione C.I.S.D.A. ed è stata fermata il 24 giugno per un controllo.

Martedì 26 è stata trasferita nel Dipartimento Immigrazione di Gaziantep per essere rimpatriata.

Speriamo tutti che il suo rientro sia imminente, ma sono passati cinque giorni dal suo fermo e nelle ultime 48 ore, ossia da quando è stata trasferita a Gaziantep, nessuno di noi è più riuscito ad avere contatti con lei perché le è stato sequestrato anche il cellulare.

Cristina è una donna di 62 anni che soffre di problemi di salute ed ha la necessità di fare controlli continui e cure adeguate.

Non abbiamo informazioni certe sul suo rientro, né la possibilità di metterci in contatto con lei.

Sappiamo che ieri l’avvocato del Consolato Italiano è andato a trovarla e siamo grati per l’impegno della Farnesina con la quale siamo in costante contatto ma esprimiamo seria preoccupazione per il suo stato di salute e chiediamo all’ Ambasciata Italiana, alle Istituzioni Italiane ed Europee il massimo impegno per riportare Cristina Cattafesta in Italia nel più breve tempo possibile.

 La Famiglia di Cristina Cattafesta e l’avv. Alessandra Ballerini

Restiamo umane

Venerdì 27 ottobre 2017 saremo in via Garibaldi angolo via XX Settembre dalle 18 alle 19.
Ancora una volta parliamo di migrazioni - e delle scelte politiche criminali intraprese e applaudite dai governanti, nazionali ed europei.
Ancora una volta non vogliamo tacere. Scarica e diffondi il volantino che distribuiremo.

Al bando le armi atomiche!

Siamo alla fine di una estate torrida, non solo sul piano metereologico ma anche nell'aspetto politico.
Riprendendo le nostre uscite dopo la pausa estiva, proprio per non lasciarci abbattere da tanti elementi negativi abbiamo deciso di valorizzare una buona notizia nel volantino di questo mese: l'approvazione all'ONU del Trattato per la messa al bando delle armi atomiche.
Scaricate il volantino che distribuiremo, venerdì 29 settembre 2017 dalle 18 alle 19, in via Garibaldi angolo via XX Settembre a Torino.
Le Donne in Nero di Torino

P.S.: già oggi - 20 settembre - 50 Paesi hanno firmato, e 3 hanno ratificato il Trattato, ma non l'Italia! Segui qui lo stato di avanzamento del Trattato.
Il premio Nobel per la pace è stato conferito all'ICAN (International Campaign to Abolish Nuclear Weapons): scarica il comunicato stampa del il Coordinamento torinese di cittadini, associazioni, enti e istituzioni locali contro l’atomica, tutte le guerre e i terrorismi.
 

Altri articoli...

  1. Per la messa al bando delle armi nucleari
  2. Siamo sempre più in guerra
  3. Il Tribunale delle Donne ad Almaterra
  4. Nella generale disattenzione...
  5. Ancora armi nucleari!
  6. Donne migranti: la via greca
  7. Un accordo inefficace e inumano
  8. Palestina: diritti negati
  9. Per le Donne in Nero di Belgrado
  10. 2016 - 2 giugno e 4 novembre
  11. 2016 - Migrazioni
  12. 2016 - Sempre contro guerre e armi
  13. 2016 - Iniziative
  14. 2015 - Costruire la pace
  15. 2015 - Per la Palestina
  16. 2015 - Srebrenica, per non dimenticare
  17. 2015 - A suon di bombe
  18. 2015 - SARAJEVO: IL TRIBUNALE DELLE DONNE
  19. 2015 - Non c'è pace senza giustizia
  20. 2015 - Non in nostro nome!
  21. 2015 - La pace è nelle nostre mani
  22. 2015 - Per non dimenticare...
  23. 2015 - 27 gennaio, giorno della Memoria
  24. 2014 - Incontri e testimonianze da Gaza
  25. 2014 - Donne contro la guerra
  26. 2014 - Per Gaza
  27. 2014 - CAROVANE MIGRANTI
  28. 2014 - Ancora una volta, NO alla NATO!
  29. 2014 - RIVOLUZIONI VIOLATE
  30. 2014 - Per il 2 giugno, e non solo...
  31. 2014 - Incontro con Amira Hass
  32. 2014 - Sempre guerre a oriente
  33. 2014 - Da Lampedusa, una Carta della dignità
  34. 2014 - Palestina Raccontata: un progetto
  35. 2014 - Per la pace in Siria
  36. 2013 - NON IN NOSTRO NOME
  37. 2013 - Le tragedie di Lampedusa
  38. 2013 - NO alla guerra in Siria!
  39. 2013 - Per il 2 giugno
  40. 2013 - Per il 25 aprile
  41. 2013 - Tragedie in corso
  42. 2013 - Perché siamo in guerra
  43. 2013 - COLOMBIA: LA PACE SENZA LE DONNE NON VA AVANTI
  44. 2012 - Il paese che vogliamo
  45. 2012 - No alla NATO
  46. 2012 - 1000 pensieri contro la guerra
  47. 2012 - NO F-35!
  48. 2012 - Palestina/Israele
  49. 2012 - 27 gennaio, Giornata della memoria
  50. 2011 - Colombia e XV Incontro Internazionale delle Donne in Nero